Alimentazione e stile di vita nel bambino

08/04/2020 Non attivi di Redazione

a cura della dott.ssa Francesca Vita – dottoressa in scienze biologiche molecolari –  Laureanda in scienze della nutrizione umana 

Alimentazione e stile di vita nel bambino

 

“Modificazioni psico-metaboliche e comportamentali nell’adattamento alla reclusione in casa”

 

Dai primi giorni di Marzo i bambini, sono stati catapultati in una situazione di emergenza e di assoluta confusione a causa del Coronavirus. Lontani dalle normali abitudini giornaliere, ad oggi continuano ad affrontare degli insoliti momenti di noia che il più delle volte li spinge ad una richiesta precisa: Il cibo…La classica frase è:- Mamma ho fame! O ancora:- Io ho ancora fame!!

Bene, la richiesta di cibo non è fame, a meno che non abbiano completato un pasto, o saltato più pasti non è plausibile pensare che un bambino abbia fame.

La mattina grazie alle lezioni online sono occupati per circa tre ore e per il resto delle ore li vediamo letteralmente “bighellonare” per casa… Le problematiche  che insorgono nell’alimentazione dai 4 ai 10 anni sono dovuti alla frequenza scolastica ,ai tentativi di indipendenza alimentare, alla possibilità di scorretti stili alimentari, scarsa preoccupazione per l’obesità, alla presenza di sedentarietà, agli eccessi (calorie, proteine, grassi saturi, sale) e ancora a difetti di alimenti come: fibre, calcio, ferro, zinco. Il consiglio per una sana giornata alimentare è quello di frazionare il cibo in cinque pasti durante la giornata: Colazione,spuntino,pranzo,spuntino e cena.

-La prima colazione: può essere a base di latte parzialmente scremato o succo di frutta o the o orzo, sempre accompagnati da fette biscottate o biscotti secchi o cereali.

-Gli spuntini: (di metà mattina e metà pomeriggio) possono essere a base di frutta fresca o yogurt o crackers o succo di frutta o gelato alla frutta.

Pranzo e cena: sono i due pasti principali e deve sempre comparire un contorno a base di verdura cruda o cotta. Le patate non vanno considerate come verdura ma consumate in sostituzione del pane o della pasta mentre i legumi vanno consumati in sostituzione di carne o pesce o formaggio o uova o prosciutto. E’ consigliabile far ruotare i secondi piatti nell’arco della settimana con 2-3 volte la carne, 2-3 volte il pesce, 2 volte i legumi, 2 volte il formaggio, 1- 2 volte il prosciutto crudo o la bresaola, 1-2 volte l’uovo. Preferibile l’acqua per dissetarsi e utilizzare di rado, se non eliminare quasi completamente le bevande dolci e/o gassate. Non eccedere nei grassi da condimento e utilizzare spezie ed aromi per insaporire le pietanze.

 

“Consigli sugli spuntini e gli snack”

Lo spuntino del mattino e la merenda del pomeriggio, dovrebbero rappresentare circa il 5- 7% delle calorie totali giornaliere e l’apporto energetico variare dalle 70 alle 130 Kcal. Il tipo di alimento scelto è fondamentale nel conferire potere saziante e quindi nell’evitare ulteriori richieste di cibi fino al pasto successivo.

Ricordiamo che più  un alimento contiene carboidrati a lento assorbimento e fibre, più aumenta il potere saziante (per esempio un pacchetto di crackers invece di una merendina, anche se con apporto calorico simile, un frutto al posto del succo di frutta). La scelta della merendina ricade su quella meno calorica e dovrà essere alternata al consumo di altri alimenti. Nel momento in cui vengono inseriti snacks più calorici come patatine, alcuni tipi di merendine, gelati alla crema , venga bilanciato il pranzo o la cena con piatti semplici ed a basso contenuto calorico e di grassi.

TABELLE DI RIFERIMENTO:

TABELLA CALORICA DI ALCUNI ALIMENTI DA FAST FOOD:

Le modalità di cottura da prediligere sono quella a vapore,griglia e al cartoccio. L’offerta del cibo già pronto fa molto gola, ma è fugace la letalità di coinvolgimento metabolico su cui vanno a impattare. L’uso di bevande gassate zuccherate e cibi preconfezionati portano ad appesantire il fisico del bambino che già fermo per l’impossibilità di uscita all’aperto e lontano dall’esercizio fisico abituale, si ritrova ad accumulare grassi inutili e calorie vuote che segnano negativamente il metabolismo. Questo induce ad un ingiustificato aumento di peso che negli anni predispone al sovrappeso e all’obesità.

 

Come possiamo aiutarli e limitare lo stress in questo momento?

I consigli in merito arrivano dalla Società Italiana per lo Studio dello Stress Traumatico (SISST).

I Momenti vuoti pomeridiani, precedentementi occupati nello svolgimenti dei compiti scolastici e nell’ora dello sport, possono essere sostituiti con un’ora di cucina.

I bambini generalmente adorano cucinare ma non sempre è possibile a causa degli impegni lavorativi dei genitori. I bambini possono esser coinvolti nella realizzazione di ricette di ciambelloni, biscotti, pizza, ecc.

Un’altra alternativa è un pò di attività fisica in casa: per esempio camminare liberamente tra oggetti sparsi sul pavimento che non devono essere toccati. Camminare seguendo rettilinei o curve disegnate al pavimento oppure creati con materiali adesivi e seguire movimenti in avanti, all’indietro, sul fianco.

Camminare su superfici diverse per consistenza, altezza e dimensione (ad esempio, il percorso salute).Oppure inventare delle andature o seguire diversi ritmi musicali. Camminare eseguendo contemporaneamente un’altra azione (ad esempio, provare a palleggiare, lanciare e riprendere una palla o trasportare un oggetto in equilibrio come un cucchiaio con all’interno una pallina da ping pong). E ancora salto con la corda in casa, oppure tiro alla fune, prova di forza, il cosiddetto “Braccio di ferro”. O ancora, è possibile fare la corsa sul posto, esercitare il corpo con capriole sul tappeto o eventuali esercizi da seduto che prevedono movimenti con le gambe. E’ facile aiutare i bambini, basta capire le loro esigenze, ascoltare le loro richieste e spiegare qual è la scelta più giusta da fare, per evitare che questo momento possa influenzare negativamente il resto della loro abitudini di vita.

Bibliografia e fonti:

Elementi di Nutrizione pediatrica (M.Giampietri, E.Dati)

http://osservatorio.enpab.it/images/Supporto_nutrizionale_in_pediatria_9_nov_2013.pdf

http://www.nutrition-foundation.it/apb-alimentazione–prevenzione-benessere-n-4—2019.aspx

http://www.diabetegiovani.com/alimenti-molto-fast-e-poco-food/

https://www.greenme.it/vivere/speciale-bambini/giochi-attivita-casa-bambini/

https://piccolipiuinforma.it/

https://www.epicentro.iss.it/coronavirus/sars-cov-2-stili-vita-attivita-fisica-0-11-anni

Tutti i diritti sono riservati. È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti e immagini (protette dal Copyright) inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta dell’autore dell’articolo.