a cura Dott. Casali Paolo – Inkospor

L’utilizzo di carboidrati in forma liquida o gel durante una presta- zione sportiva, sia che si tratti di un’allenamento sia che si tratti di una competizione, si inserisce in maniera importante all’inter- no della strategia alimentare da utilizzare durante lo sforzo. Quando svolgiamo attività fisica a medio-alta intensità per un periodo di tempo prolungato, maggiore di un’ora e mezzo/due circa, è importante integrare soluzioni energetiche a base di zuccheri per non incorrere in pericolosi cali prestazionali, nega- tivi non solo per la performance ma anche per lo stato di salute dell’atleta. Per ottimizzare gli effetti energetici è però fondamentale utilizza- re carboidrati di elevata qualità, in concentrazione e con formu- lazioni tali da apportare un reale beneficio all’organismo.
Le formulazioni semi-solide, quali i Gel, sono tra le soluzioni preferite dagli sportivi sia per gli effetti positivi, sia per la como- dità di impiego.

Tali prodotti, per soddisfare le necessità del singolo, dovrebbe- ro apportare un mix bilanciato di carboidrati a rapido e medio/lungo utilizzo.
Le maltodestrine dovrebbero rappresentare la maggior parte dell’apporto calorico dell’integratore utilizzato; sono infatti garanzia di energia a medio/lungo termine, limitano il manife- starsi di picchi glicemici pericolosi, generati invece dagli zuccheri raffinati. Sono inoltre prive di potenziali effetti negativi al livello di digestione ed assorbimento gastro-intestinale, con oltretutto la possibilità di mantenere basso l’indice di dolcezza che spesso risulta eccessivo in prodotti similari

All’interno del mix dovrebbero poi essere incluse piccole porzioni di zuccheri semplici, in quantità minore rispetto alle maltodestrine, ma comunque necessari per ottenere un rapido riscontro energetico.

Tra gli zuccheri semplici disponibili il fruttosio risulta senza dubbio il migliore; l’utilizzo di zuccheri più raffinati rispetto al fruttosio, come ad esempio gli sciroppi, oppure con un più elevato indice glicemico, come il saccarosio, normale zucchero da cucina, può generare sbalzi notevoli dei valori di glicemia. Mantenere il più costante possibile il valore del glucosio nel sangue, la glicemia appunto, aiuta ad impedire il calo energeti- co che, paradossalmente, sarebbe più evidente assumendo zuccheri raffinati. Questo accade poiché ad un primo aumento vistoso delle energie, corrisponderebbe un loro rapido abbas- samento, addirittura sotto i valori iniziali, per effetto dell’azione dell’insulina.

Oltre questo, il vantaggio di utilizzare basse concentrazioni di zuccheri semplici è rappresentato dalla capacità di impedire possibili effetti collaterali gastro-intestinali, spesso frequenti con questo genere di prodotti; un eccesso di zuccheri semplici infatti, tende a richiamare liquidi nel tratto digerente, generando  difficoltà digestive, possibilità di reflusso gastrico o eccessiva evaquazione intestinale.

Inkospor ottimizza la formulazione del suo gel con ben 21,2g di Maltodestrine e 6,1g di Fruttosio per ogni 40g di prodotto, con l’aggiunta di Vitamina B1, necessaria per ottimizzare il metaboli- smo degli zuccheri.

ZUCCHERI E PRESTAZIONE SPORTIVA

You May Also Like